una piattaforma liquida su crisi climatica, interazioni antropoceniche e transizione ecologica 
un progetto di MUSE Museo delle Scienze Trento ideato e curato da Stefano Cagol

ABOUT  BOARD  MOSTRA LIQUIDA #1  MOSTRA LIQUIDA #2
 
ARTIST IN RESIDENCE #1
  MASTERCLASS #1  PERFORMANCE #1

ARCHIVIO WATF   STAMPA  HOME                        ITA  ENG    


                     
        







       



Mostra Liquida # 1

Eugenio Ampudia (ES), Nezaket Ekici (TR/DE),
Elena Lavellés (ES), Shahar Marcus (IL),
Hans Op de Beeck (BE), Philip Samartzis (AU)


a cura di Stefano Cagol

9 aprile – 29 maggio, 2022
MUSE – Museo delle Scienze
Palazzo delle Albere
Trento (IT)

#wearetheflood   #noisiamoildiluvio    #MUSEtrento

Vai alla galleria d'immagini

La prima mostra di WE ARE THE FLOOD (Noi siamo il diluvio) affronta diverse sfaccettature dell’Antropocene attraverso la ricerca di sei prominenti artisti internazionali, tra i più rappresentativi, che includono Eugenio Ampudia (Spagna), Nezaket Ekici (Turchia/Germania), Elena Lavellés (Spagna), Shahar Marcus (Israele), Hans Op de Beeck (Belgio) e Philip Samartzis (Australia).
Le nove opere esposte – la maggior parte presentate in Italia per la prima volta – si muovono negli ambiti più attuali dell’arte contemporanea attraverso molteplici linguaggi espressivi, spaziando dalla video arte, la documentazione di performance, living installations e azioni, fino alla sound art e la più recente ricerca ecoacustica.
Le suggestioni innescate da lavori che prediligono un approccio evocativo, altamente simbolico e una raffinata ricerca estetica, ci spingono a riflettere portandoci dagli iceberg e il ghiaccio frammentato dell’Antartide al deserto del Negev, dall’acqua al fuoco, da un ipnotico oro nero fino alla proposta di un cambio di paradigma che riporti la vita al centro, secondo un’ipotesi di nuovo “Biocene”.
WE ARE THE FLOOD è una piattaforma liquida su crisi climatica, interazioni antropoceniche e transizione ecologica, un progetto del MUSE con la curatela di Stefano Cagol che coinvolge il pubblico sui temi dell'Antropocene, grazie al linguaggio e all'interpretazione offerta dall'arte contemporanea. 

____

Eugenio Ampudia (Spain),  Concierto para el Bioceno, 2020, HD video, 7:30 min.  Gran Teatre del Liceu, Barcellona (ES). Courtesy l’artista / the artist; Max Estrella Gallery, Madrid (ES)

Opera segnalata da / Artwork selected by Blanca de la Torre

 

L’opera video immortala un concerto nella cornice dello storico Gran Teatre del Liceu di Barcellona con l’esecuzione di un’elegia per quartetto d'archi, "Crisantemi" del compositore italiano Giacomo Puccini, di fronte a un pubblico indubbiamente d’eccezione: una schiera di oltre duemila piante verdi, per l’esattezza 2.292, quant’è la regolare capienza di spettatori. Eugenio Ampudia afferma di aver pensato questo spettacolo per piante come simbolico atto di riformulazione del presente, un cambio di paradigma basato su un compromesso eco-sociale, nell’equilibrio tra pretese della nostra società ed esigenze dell’ambiente. Questa proposta di cambiamento viene dichiarata fin dal titolo dell’opera attraverso il riferimento al concetto di “Biocene”, portato avanti nella recente Bienal de Cuenca dalla curatrice Blanca de la Torre, che sostituisce il termine Antropocene – la definizione dell’epoca più recente come quella del nostro impatto sul pianeta – per fare invece appello all'inizio di una nuova era con la vita (bíos) finalmente posta al centro.

Eugenio Ampudia (Spagna, 1958) è uno dei più affermati artisti spagnoli. Le sue opere d’arte concettuale sulle contraddizioni con cui corriamo verso il futuro sono state esposte a livello internazionale in istituzioni di rilievo come ZKM di Karlsruhe, The Whitechapel Gallery a Londra e Matadero a Madrid. Ha partecipato a svariate biennali che includono quella di Cuenca (2021), l'Avana (2019) e Singapore (2006), e nel 2017 è stato finalista per il padiglione nazionale spagnolo alla Biennale di Venezia.

_____

Nezaket Ekici (Turchia/Germania), Methexis. 2012, HD video, 3 min. Courtesy l’artista / the artist; Camera: Ben Hertzog; Editing: Daniel Landau; Sound design: Daniel Meier; Assistance: Maya Elran; Tamar Dekel; Naanma Bar-Or; Shahar Marcus; Stills: Maya Elran


Quest’opera video di Nezaket Ekici è il frutto di una performance che mette alla prova il corpo e la resistenza dell’artista secondo una pratica ascrivibile all’ambito delle cosiddette living installations (installazioni viventi). L’opera si apre con una scena marina apparentemente innocua, ma quando l’inquadratura si stringe intuiamo l’ostilità del luogo attraverso i vistosi cristalli di sale che identificano lo specchio d’acqua più salato del mondo, il Mar Morto. Su quest’acqua che esclude quasi tutte le forme di vita, fluttua un corpo, il viso immerso nell’acqua, gli occhi chiusi, il respiro sospeso. Oltre a portare l’attenzione sulle diverse questioni della nostra relazione con l’acqua in tutte le sue forme, come fanno molte opere della stessa artista, questa immersione richiama alla mente paventati scenari futuri di un pianeta Terra che potrebbe divenire per noi irrimediabilmente inospitale.  Il titolo evoca un termine greco, metessi, traducibile come partecipazione e originariamente entrato nel linguaggio filosofico di Platone per esprimere il concetto di relazione della parte con l’essenza, affine all’idea della mostra e del nostro “essere diluvio”.

Nezaket Ekici (Turchia, 1970) è una performance artist di fama internazionale, vive e lavora a Berlino e Stoccarda. Usa il suo corpo come mezzo di espressione e d’indagine, sviluppando la sua pratica principalmente attraverso l’interazione con il pubblico. Alla Hochschule für Bildende Künste di Braunschweig in Germania ha studiato nella classe di Marina Abramović. Ha esposto in musei come PS1 New York (2004), Istanbul Modern (2014), e partecipato a biennali come quella di Venezia (2007), Curitiba (2009) e Bangkok (2020).

_____

Elena Lavellés (Spagna), Pattern of Dissolution, 2017, HD Vídeo, 30 min. Courtesy l’artista / the artist; Suono / Sound: Javier Lara

Opera segnalata da / Artwork selected by Blanca de la Torre


Quest’opera video della giovane artista spagnola Elena Lavellés prende tre diversi elementi, il petrolio, il carbone e l’oro, quali emblemi della società occidentale contemporanea, tra sviluppo, crisi e conseguenze delle scelte attuate. Nelle immagini, queste diverse sostanze diventano un tutt’uno inscindibile, che l’artista osserva da punti di vista estremamente ravvicinati che amplificano le superfici, i riflessi, i flussi, i sussulti. Si formano ipnotiche costellazioni, movimenti incessanti e inesorabili che diventano metafora dell’onda insistente e vischiosa che possiamo essere. Queste atmosfere sono rese ancora più dense da un suono profondo composto appositamente per quest’opera. Muovendosi nei territori d’intersezione tra geologia, ecologia, indagine sociale e ricerca estetica, Lavellés fa riferimento alle questioni dello sfruttamento delle risorse naturali toccando i concetti di materialità, durata e paesaggio.

Elena Lavellés (Spagna, 1981) è un’artista spagnola tra le maggiormente promettenti, appena insignita del riconoscimento più prestigioso per gli artisti iberici: l’invito alla Reale Accademia di Spagna a Roma. Tra i premi che ha ricevuto c’è Generaciones de La Casa Encendida di Madrid del 2018 e ha fatto parte del Whitney Museum Independent Study Program a New York nel 2017. Ha studiato al California Institute of the Arts – CalArts negli Stati Uniti e anche filosofia e geologia all'Università Complutense di Madrid.

_____